Il Borgo

Pagina iniziale

Il Borgo

Ulivi argentati, pioppi svettanti e querce secolari...

…avvolgono, come in un abbraccio intimo ed accogliente, tutto il Borgo con i suoi scorci pittoreschi: il Parco con la Piscina, le Sale, il Belvedere degli Angeli, l’Antico Casale, la Terrazza della Dea Dormiente.

Il Parco e la Piscina

Motivo di orgoglio del Casale, il Parco regala scorci incantati, profumi e colori intensi in ogni stagione, introducendo l’ospite in un’atmosfera di raro benessere: un vero e proprio tripudio della natura. In primavera le begonie colorano lo scenario, in inverno i ciclamini, la lavanda inebria le calde serate estive; in autunno il foliage incanta con sfumature dalla bellezza impareggiabile. Cura ed attenzione ovunque: lecci, cipressi, carrubi ed oleandri si alternano a tigli, pioppi, melograni e corbezzoli.

Siepi di alloro, mirto e rosmarino creano bouquet avvolgenti. Archi in ferro battuto rivestiti da gelsomini dal profumo inconfondibile introducono alla sinuosa Piscina che appare perfettamente incastonata nel Parco.

Le sale

Sapientemente arredate nel rispetto dell’impianto originario, accolgono l’ospite per momenti di vero relax. Sentieri serpeggianti in pietra, attraversando il parco, conducono dall’Antico Casale alla romantica Sala delle Trame Bianche, al Salone delle Feste con il suo maestoso camino, alla Piscina e alla Sala degli Specchi.

 

Ovunque ampie vetrate regalano luce e consentono di continuare a godere del naturale charme della vegetazione e delle vedute mozzafiato, mentre si degustano raffinate pietanze in ambienti climatizzati, comodi e protetti.

Belvedere degli angeli

Dal Belvedere il contatto con la natura è magico e persistente: uno spazio immenso allestito a prato, che domina la vallata del Volturno e le sue infinite sfumature di verde.

Qui lo sguardo sconfina sulle colline dell’Alto Casertano, dove filari ordinati di viti si alternano ad oliveti centenari, a memoria dei limpidi e rasserenanti paesaggi di Hackert, il pittore ufficiale di Ferdinando IV Di Borbone.

Sul Belvedere è possibile realizzare cerimonie indimenticabili per suggellare unioni civili o rinnovo di promesse.

Matrimoni e stagioni

In primavera e in estate i wedding day si avvalgono dei molti momenti vissuti nel verde del parco e delle colline dell’alto casertano.

In autunno e in inverno è il casale ad accogliere con intimità e calore. 

Il fuoco dei camini illumina e riscalda gli ambienti con effetti magici, soprattutto durante le feste, quando allestimenti ricchi e raffinati creano atmosfere incantevoli e scintillanti.

L'Antico Casale

Ambienti raffinati in cui il piacere del bello incontra il fascino di un fastoso passato.

Il Casale in tufo grigio, nucleo originario del Borgo, con i suoi salotti, è testimonianza delle dimore nobiliari ottocentesche di campagna. Tra gli antichi telai per la tessitura, le collezioni di casa Liguori, elegantemente disposte, e le pregiate sete di San Leucio che impreziosiscono gli arredi, si vive un connubio perfetto tra relax e cultura.

La terrazza della Dea dormiente

L’ampia terrazza ospita un accogliente lounge bar affacciato su un’altra bellezza di notevole interesse naturalistico: il Massiccio del Taburno.

Il suo profilo, visto dal Casale, assume le sembianze di una donna supina con la testa rivolta a nord verso la Valle Telesina ed i piedi posti a sud verso la Valle Caudina. Da qui il nome di Dea Dormiente del Sannio.